“Fratello contro fratello”, l’incubo orwelliano della disinformacija nostrana

Quando abbiamo saputo che sabato 21 febbraio la RAI2 avrebbe mandato in onda un reportage sulla guerra in Ucraina non c’eravamo fatti troppe illusioni. Che la tv di stato italiana potesse confezionare un reportage in stile BBC in cui le profonde questioni legate alla guerra in Ucraina venissero affrontate in prospettiva storica, con riferimenti puntuali e offrendo il punto di vista di entrambe le fazioni non ce l’aspettavamo di certo visto il livello di mediocrità dei media autoctoni, ma che si arrivasse a trasmettere su RAI2, canale televisivo pagato con il canone dei contribuenti la cui mission (teorica) è quella di informare e di fare servizio pubblico, un dossier come quello firmato da Andrea Sceresini e Lorenzo Giroffi questo non l’avevamo immaginato neanche nel peggiore degli incubi.

Uso non a caso la parola incubo perché quello andato in onda sabato scorso è un esercizio di manipolazione della realtà che andrebbe mostrato a tutti gli aspiranti giornalisti come esempio di cosa significhi distorcere la verità, usando e tagliando interviste e testimonianze, al fine di creare una “realtà altra” molto vicina all’incubo orwelliano di 1984.

Sarebbe interessante rivedere questo reportage per analizzarlo puntualmente in tutte le sue distorsioni.

Mi limiterò in questa sede a fare alcune considerazioni di massima frutto degli appunti che ho annotato mentre guardavo questa vergognosa pagina di disinformazione televisiva.

Partiamo dal titolo. Un titolo che già nella sua formulazione tradisce l’intento manipolatorio di un video che, lungi dall’essere un reportage, è un film a tesi. La tesi è che in Ucraina vi sia stato un colpo di stato da parte di “forze fasciste” e che i patrioti del Donbas, poveri minatori e trattoristi, pressoché sprovvisti di armi, si stanno opponendo con tutte le forze a questo disegno egemonico imperialista-nazista e sono costretti a uccidere i propri fratelli per il bene del loro paese!!

Intitolare questo video “Fratello contro fratello” significa in primis veicolare un messaggio forte e menzognero ossia in Ucraina c’è una guerra civile. Niente di più falso.

Se partiamo dalla definizione di guerra civile come “conflitto armato di vaste proporzioni, nel quale le parti belligeranti sono costituite da persone appartenenti alla popolazione di un unico Stato” è ben chiaro a tutti che quella che si sta combattendo in Ucraina non è una guerra civile ma una guerra tra ucraini e milizie mercenarie inviate da Mosca.

Negare questa evidenza come fa il “reportage” (le virgolette sono d’obbligo in questo caso) di Sceresini e Giroffi significa negare ciò che la stessa Unione Europea ha ufficialmente riconosciuto e che è stato documentato più volte in video e foto da tanti i paesi democratici: In Donbas ci sono truppe e armamenti che provengono da Mosca.

Patetico anche il tentativo nella prima parte del video di dipingere i cosiddetti separatisti come patrioti male armati e male equipaggiati disposti a immolare la propria vita per opporsi ai “fascisti di Kiev”. Sembra francamente strano che ai due autori sia sfuggita la singolare circostanza che quelli da loro definiti separatisti siano dotati di missili Grad e che uno di loro, Igor Vsevolodovich Girkin, conosciuto anche con il nome di Igor Ivanovich Strelkov, si sia addirittura vantato pubblicamente con un post su twitter di aver abbattuto l’aereo malese nel luglio dello scorsa estate. Che i missili Grad li vendano al mercato di Donetsk?

Ma torniamo al reportage. Dopo l’intervista in trincea a un cosiddetto filorusso, molto probabilmente un mercenario russo visto che la cadenza con cui parlava non è quella del russo che si parla in Donbas, il servizio prosegue con un’intervista a un giornalista-ideologo che, cartina alla mano, spiega che l’Ucraina non esiste e che legittimamente in Donbas si combatte per la ricostituzione della Novorossiya. E che dopo aver conquistato il Donbas – la Crimea è già nostra! – si procederà a liberare Kharkov, Zaporozhye e Odessa dalla piaga fascista-nazionalista.

Ovviamente gli autori di questo “lavoro giornalistico” si guardano bene dall’informare l’ignaro spettatore, che vorrebbe cercare di comprendere cosa sta realmente succedendo in quelle terre orientali, che l’Ucraina è uno stato indipendente dal 1991, che sia il Donbas sia la Crimea hanno votato a favore dell’indipendenza ucraina e che prima del febbraio 2014 la Novorossiya era solo un delirio partorito dalla mente di un certo Dugin per invitare il Cremlino a conquistare l’odiato Occidente.

Neanche un accenno al fatto che nelle settimane scorse sono stati solo 30 su 740 i residenti del Donbas che hanno scelto di lasciare i territori di guerra per riparare in Russia. Come si spiega questa percentuale decisamente bassa con la tesi fatta propria dal reportage che in Donbas la maggioranza della gente vuole vivere e ricongiungersi con la Santa Madre Russia? Forse chi decide di riparare a Kiev e a Leopoli è un sadomasochista che decide di farsi torturare dai famigerati nazisti ucraini?

Quando dopo mezzora circa di bombardamento mediatico e di lavaggio del cervello, condito da messaggi reiterati su fascisti di Kiev, partigiani del Donbas e apologia di uno stato inesistente come la Novorossiya, i due “giornalisti” decidono di occuparsi del fronte opposto, quello ucraino, la scena si sposta a Kiev.

orwellbbc1

In una Kiev dove i militanti “fascisti” e “ipernazionalisti” di Svoboda salutano un battaglione di volontari che parte per il fronte.

Ovviamente l’enfasi è su Svoboda, definito partito di nazisti, sui suoi militanti e sulla “giunta” di Kiev. Neanche un accenno al fatto che i vari battaglioni sono composti di volontari di diversa estrazione politico-sociale che affiancano l’esercito regolare, nessun accenno al fatto che Svoboda e Pravyi Sektor, partiti nazionalisti non nazisti, hanno ottenuto consensi elettorali talmente irrisori che non hanno eletto deputati alla Rada, nessun accenno al fatto che le elezioni presidenziali di maggio e quelle parlamentari di ottobre sono state riconosciute internazionalmente come libere, trasparenti e democratiche a differenza dei referendum farlocchi di Luhansk e Donetsk imposti, come in precedenza in Crimea, con le armi.

Una piccola postilla sulla Crimea. Quando i nostri baldi reporter hanno intervistato il giornalista-ideologo della Novorossiya che pontificava sulla russicità della Crimea si sono guardati bene dall’evidenziare la natura multietnica di questa regione e che nel referendum del 16 marzo 2014, imposto con kalashnikov e carri armati, le schede erano già state votate. E questo non lo dice il senatore McCain, falco di Washington, ma lo ha confessato candidamente proprio Strelkov qualche settimana fa in un’intervista a un giornale inglese.

Ai nostri è sfuggita un’altra questione che evidentemente reputano di poco conto, forse il diritto internazionale per questi signori è una sovrastruttura borghese… Mi riferisco alla violazione del memorandum di Budapest del 1994 che garantiva all’Ucraina la sua integrità territoriale in cambio dello smantellamento del suo arsenale nucleare. La Russia, paese che assieme a Gran Bretagna e Stati Uniti aveva firmato quell’accordo, è lo stesso paese che l’ha violato annettendosi la Crimea e invadendo militarmente il Donbas.

Ciliegina sulla torta il finale di questo reportage ossia l’intervista a una donna di Donetsk che afferma con faccia straziante da brava attrice di melodramma, anzi mi verrebbe da dire da opera buffa, “ Ma perché Putin non manda l’esercito? I fascisti ci riempiono di fosforo e missili!!”

Forse occorrerebbe rassicurare la signora che Putin l’esercito l’ha inviato ormai da mesi e che i missili sono già stati lanciati contro la popolazione civile a Kramatorsk, Mariupol e altre città su ordine dello stesso zar.

Ma la verità nell’incubo orwelliano costruito da Andrea Sceresini e Lorenzo Giroffi si chiama falsità, la guerra è pace, 2+2 fa 3. I buoni sono gli assassini e l’antifascismo è quello di Putin e dei suoi seguaci (prezzolati e non).

Massimiliano Di Pasquale

http://www.guerraucraina.it/index.php/home/editoriali/massimiliano-di-pasquale/item/fratello-contro-fratello-l-incubo-orwelliano-della-disinformacija-nostrana-massimiliano-di-pasquale

Advertisements